Alternanza scuola-lavoro: incentivi da CdC Ferrara

(Sesto Potere) – Ferrara – 14 febbraio 2019 – Contributi alle imprese e agli enti ferraresi che ospitano studenti in alternanza scuola-lavoro: da martedì 12 febbraio è possibile richiederli partecipando al bando della Camera di commercio di Ferrara. A disposizione di ciascun imprenditore voucher da 300 euro (da 1 a 2 studenti), 500 euro (da 3 a 4 studenti), 800 euro (da 5 a 6 studenti) e 1000 euro (oltre 7 studenti) nel periodo compreso tra il 1° settembre 2018 e il 30 settembre 2019, fino ad un massimo di 2.500 euro per impresa/ente richiedente.

scuola lavoro

Tra i requisiti per partecipare al bando è prevista l’iscrizione al Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro (scuolalavoro.registroimprese.it), lo strumento privilegiato per facilitare la comunicazione tra scuola ed impresa per l’ottimale inserimento degli studenti.

“La misura prevede uno stanziamento complessivo pari a 74mila euro per questa annualità – spiega Paolo Govoni, presidente della Camera di commercio di Ferrara – con una dotazione delle risorse disponibili che ammonta a 150mila euro per il triennio 2017-2019. L’intento – prosegue il presidente – è sostenere la disponibilità manifestata da tante nostre imprese nel formare giovani studenti attraverso percorsi di alternanza scuola-lavoro, rendendone di fatto possibile la realizzazione, che la legge sulla Buona Scuola ha reso obbligatoria. Aprire le porte agli studenti è un esempio concreto di responsabilità sociale, che va sicuramente incoraggiato, ma non deve esser dato per scontato: il supporto della Camera di commercio vuole essere un riconoscimento per questo impegno e un sostegno per le spese che le imprese affrontano, ad esempio, per la qualificazione dei tutor aziendali, per l’adeguamento per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro o per lo sviluppo di strumenti per la valutazione dell’apprendimento”.

Tra le novità del 2019 la realizzazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro anche mediante la formula del Project Work o dell’Impresa Formativa Simulata, una metodologia innovativa di lavoro che permette agli studenti delle classe coinvolte di simulare le funzionalità di un’azienda e di lavorare insieme, dal concept di un’idea fino al suo lancio sul mercato, mettendo in atto  le  strategie più efficaci per raggiungere l’obiettivo.

ferrara

Alla progettazione di un’alternanza “di qualità”, la Camera di commercio concorrerà, in collaborazione con le associazioni imprenditoriali, anche attraverso la promozione di un catalogo on-line di progetti-tipo centrati sulle competenze digitali, sulle competenze della green economy, della cultura, dell’innovazione sociale, dell’internazionalizzazione e dell’imprenditorialità.

Se i più richiesti dalle imprese dell’industria e dei servizi nel corso del 2018 sono i diplomati in Amministrazione e marketing, Turismo, enogastronomia e ospitalità, Meccanica, meccatronica ed energia, quelli per i quali le imprese segnalano difficoltà di reperimento superiori alla media sono soprattutto i diplomati in Grafica e comunicazione, Informatica e telecomunicazioni, Produzioni industriali e artigianali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *