Alleanza Coop Emilia-Romagna: confronto con Bonaccini su Patto per il lavoro

0
120

(Sesto Potere) – Bologna, 18 febbraio 2020 – «Auguriamo buon lavoro alla nuova Giunta regionale presentata il 13 febbraio dal presidente Stefano Bonaccini, confidando di poter portare avanti con tutti gli assessori nominati quel metodo di confronto che ha caratterizzato la scorsa legislatura e che ha consentito di affrontare in maniera costruttiva le sfide e le difficoltà emerse in questi anni. Per questo auspichiamo innanzitutto di poter definire quanto prima con il presidente della Regione e con il nuovo assessore allo Sviluppo economico, un nuovo Patto per il Lavoro finalizzato a migliorare la qualità dell’occupazione, favorire la formazione di figure professionali richieste dalle aziende ma sempre più irreperibili, e combattere la disoccupazione giovanile».

Lo dichiarano il presidente di Alleanza delle Cooperative italiane dell’Emilia-Romagna Massimo Mota e i co-presidenti Francesco Milza e Giovanni Monti (nella foto).

«Anche negli anni della crisi economica – continuano Mota, Milza e Monti – le nostre cooperative hanno continuato a investire arrivando a ridurre i loro margini pur di difendere il lavoro, il reddito dei soci e il potere d’acquisto delle famiglie. Hanno creato in regione 27.390 nuovi posti di lavoro dal 2008 al 2019, con una crescita del 12,5% nettamente superiore al 3,5% registrato dal totale delle imprese regionali, contribuendo al PIL per circa il 10% del totale regionale ».

Sul tema del welfare, l’Alleanza delle Cooperative dell’Emilia-Romagna auspica che tra le priorità della nuova Giunta venga inserito il tema dell’invecchiamento della popolazione e quindi delle nuove risposte che occorre fornire agli anziani. «Insieme a questo – aggiungono Mota, Milza e Monti – crediamo che anche la Regione debba prendersi a cuore il problema del crollo demografico, promuovendo nuove politiche che incentivino la natalità e favoriscano la conciliazione famiglia-lavoro, anche attraverso un maggiore sostegno alle politiche abitative e per la casa in affitto».

«Il sistema agroalimentare, vera eccellenza dell’Emilia-Romagna, vive una fase di grande difficoltà e incertezza, tra nuovi dazi nei mercati internazionali, emergenze climatiche e crescenti minacce per i nostri agricoltori, a partire dalla cimice asiatica. Pertanto – sottolineano Mota, Milza e Monti – riteniamo fondamentale definire un programma di azioni per sostenere le aziende agricole e le strutture cooperative che spesso si trovano ad armi spuntate davanti alle sfide poste dai cambiamenti».

«Apprezziamo infine – concludono i vertici di Alleanza delle Cooperative dell’Emilia-Romagna – la rinnovata e più decisa attenzione sui temi ambientali che porterà alla definizione di un Patto per il Clima e auspichiamo che, in linea con quanto avvenuto con il Piano Plastic FreER, tale percorso venga svolto con il coinvolgimento delle imprese, che chiedono di essere accompagnate e incentivate verso riconversioni industriali e produttive, senza subire interventi punitivi calati dall’alto».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here