(Sesto Potere) – Bologna – 6 settembre 2022 – Il SIULP – Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia, la principale organizzazione di rappresentanza del personale della Polizia di Stato, è impegnato da anni per denunciare “il silenzio assordante” sul fenomeno delle aggressioni alle divise, al personale dei comparti che svolgono un servizio pubblico e in generale a tutte le helping professions.

“Purtroppo l’arroganza e la violenza a danno di queste lavoratrici e lavoratori non si placa, anzi sembra ci si trovi travolti da una spirale che non fa intravedere via d’uscita. Ecco perché, di fronte all’ennesimo efferato episodio che qualche giorno fa ha visto aggredire un Capotreno a bordo di un convoglio viaggiante sulla tratta Adriatica (il treno 17554 Rimini-Ravenna-Bologna di Trenitalia Tper), condividiamo il grido di allarme della FIT-CISL che parla di “una vera emergenza” ed invita le altre organizzazioni sindacali ad una mobilitazione (è stato proposto uno sciopero di 8 ore, ndr). A quanti altri attacchi a danno di capitreno e personale di bordo, o nei confronti degli addetti a servizi essenziali, come i sanitari (è notizia di ieri l’ aggressione nei confronti di infermieri di un Pronto Soccorso a Civitanova Marche), professori o forze dell’ordine dovremmo assistere prima di vedere un concreto e trasversale interesse da parte delle Istituzioni e in particolar modo dal Legislatore?”: si domanda la Segreteria Regionale SIULP Emilia Romagna.

ufficio polfer stazione

“Noi non ci voltiamo dall’altra parte, anzi saremo in prima linea al fianco di tutte le categorie che subiscono aggressioni sul luogo di lavoro, poiché è diritto di tutti lavorare sereni, è diritto di tutti lavorare in sicurezza, senza il terrore che svolgendo il proprio lavoro si torni a casa malmenati”: aggiunge il SIULP Emilia Romagna.

Per ciò che concerne la situazione del trasporto ferroviario, secondo il Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia: “Va subito fatto un intervento sull’infrastruttura istallando tornelli o barriere ad accesso automatizzati per consentire l’accesso ai treni alle sole persone munite di titolo di viaggio, servirebbero le guardie giurate a bordo treno, in particolare quelli locali”.

A parere del SIULP Emilia Romagna: “Non è più rinviabile un tavolo istituzionale su tutti i territori con il coinvolgimento delle parti sociali. Urgente e necessario inasprire le sanzioni previste per la resistenza e la violenza a pubblico ufficiale: la politica faccia finalmente un passo avanti nel recepire questa emergenza che non può più essere rinviata”.

“Le croniche carenze d’organico, che nei prossimi anni peggioreranno ancora, non possono sopperire al continuo aumento di aggressioni, visto e considerato che le Forze dell’Ordine sono tra le più bersagliate, sotto questo aspetto. Pertanto, nel ribadire il nostro corale impegno per dire basta alle aggressioni, confermando una mobilitazione permanente su tutta la Regione, auspichiamo quanto prima una presa di posizione della Politica seria a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, delle donne e uomini che servono lo Stato”: conclude la Segreteria Regionale SIULP Emilia Romagna.