Afghanistan, la sindaca di Riccione raccoglie appello G20 Donne su Zarifa Ghafari

0
177
renata tosi

(Sesto Potere) – Riccione – 27 agosto 2021 – Raccogliendo l’appello emerso dal recente G20 delle Donne, Renata Tosi, sindaco di Riccione (nella foto in alto), e Roberta Nesto, sindaco di Cavallino Treporti (Venezia), hanno scritto al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio Draghi, alla ministra Pari Opportunità e al presidente del Parlamento Europeo Davide Sassoli in merito alla vicenda di Zarifa Ghafari, sindaca di Maidan Shar, in Afghanistan (nella foto qui nella pagina). Una delle poche donne ad aver mai ricoperto un incarico governativo nella città capoluogo della provincia che, con l’arrivo dei talebani, si è detta pronta ad accettare la morte pur di non lasciare il proprio paese e i propri affetti.

Zarifa Ghafari

“E’ una giovane donna, prima e unica nel suo Paese a rivestire questo ruolo – scrivo le due sindache -, che sta sfidando l’oscurantismo in Afghanistan e che con la sua famiglia hanno ottenuto asilo in Germania”. “Vorremmo avere la possibilità di incontrare questa coraggiosa amministratrice . E’ nostro desiderio esprimerle sostegno e solidarietà e attraverso lei, a tutta la popolazione afghana, alle donne principalmente, che sono quella parte di popolazione che maggiormente soffriranno a causa dell’oscurantismo imposto dalla shari’a. Raccogliendo l’appello emerso dal recente G20 delle Donne – si legge nella lettera congiunta – , credendo fermamente che l’Italia debba essere il volto umano delle istituzioni internazionali, chiediamo al Parlamento Europeo e allo Stato Italiano, anche attraverso l’interessamento della ministra alle Pari Opportunità, Elisa Bonetti, che si facciano promotori di un’azione congiunta di tutta la Comunità affinché storie come quella di Zarifa, volto della rinascita femminile dell’Afghanistan, siano portate all’attenzione della comunità internazionale: le storie di donne come lei non devono essere dimenticate, dopo un primo momento di condivisione dettata dall’emozione, perché questa tragedia non è solo afghana, ma appartiene al vissuto di tutti noi”.

“Tutto ciò riveste un’importanza fondamentale – concludono Roberta Nesto e Renata Tosi – in un momento cruciale e drammatico come questo che stiamo vivendo all’indomani del tragico attentato all’aeroporto di Kabul. Oggi il nostro pensiero va alle famiglie dei tanti morti e feriti, a loro tutta la nostra solidarietà e una profonda umana vicinanza. In questi tempi bui, siamo convinte che le donne siano la prima luce di speranza. Servono tutti i canali diplomatici affinché i diritti delle donne siano difesi, in particolare per coloro le quali esercitano una passiva resistenza, va manifestata con significativa urgenza una pressione internazionale continua, a salvaguardia di tutte queste vite”.