Afghanistan, accolti in Emilia-Romagna 200 rifugiati

0
191

(Sesto Potere) – Bologna – 29 agosto 2021 – Fuggiti da Kabul grazie al ponte aereo italiano, si ritrovano insieme nel modenese. Una vicenda a lieto fine nel dramma dell’Afghanistan. Una mamma afghana con due figli piccoli – un neonato di 40 giorni e un bimbo di 5 anni – arrivata venerdì scorso in Emilia-Romagna insieme a un centinaio di connazionali dopo essere atterrati a Fiumicino, ieri era venuta a sapere tramite i contatti mantenuti via WhatsApp che anche il marito era riuscito ad arrivare in Italia grazie alla missione dell’Esercito, con l’ultimo volo partito. La Protezione civile della Regione Emilia-Romagna è subito intervenuta, contattando il ministero della Difesa che è riuscito a individuarlo.

È stata così realizzata una staffetta tra il convoglio militare con gli ultimi afghani arrivati e destinati a Ponte Isarco (Bolzano) e la Protezione civile dell’Emilia-Romagna per prendere in carico l’uomo e accompagnarlo in provincia di Modena. Il ricongiungimento è avvenuto questa mattina, con la gioia e commozione di tutti. Ora la famiglia è di nuovo insieme.

In Emilia-Romagna al momento sono ospitate oltre duecento persone afghane in strutture nelle province di Modena, Parma e Piacenza. Si tratta di donne e uomini, e loro familiari, che prestavano servizio nell’ambito della missione Italia-Nato, e che avevano collaborato con le nostre autorità. Trascorrono qui il periodo di quarantena obbligatorio previsto per ogni viaggiatore che arriva dall’estero (dai 7 ai 10 giorni), dopodiché verrà organizzata la loro permanenza sulla base delle indicazioni del Governo.

Da subito è arrivata l’immediata disponibilità delle istituzioni locali di fronte al dramma che sta vivendo l’Afghanistan. Anche gli altri territori provinciali sono attivati, pronti a rispondere di fronte a eventuali nuove necessità nei prossimi giorni, sempre d’intesa con il Ministero della Difesa, la Presidenza della Regione e la Protezione civile dell’Emilia-Romagna, con la collaborazione delle Aziende sanitarie locali, il volontariato di Protezione civile e la Croce Rossa.

Va ricordato come la Regione, pur operando in base alle proprie prerogative in materia sanitaria, sia costantemente in contatto con gli Enti locali coinvolti e le Prefetture di riferimento, in una logica di una efficace collaborazione.