Aeroporto di Forlì, Roberto Balzani: “Nessuno era interessato a rilevare Seaf”

0
182

(Sesto Potere) – Forlì – 31 agosto 2020 – Il professor Roberto Balzani, già sindaco di centrosinistra a Forlì dal 2009 al 2014 , interviene con una nota in replica al comunicato di Marco Catalano, Mario Peruzzini e Alessandro Morelli, del Circolo forlivese di Fratelli d’Italia intitolato a Caterina Sforza, che prendevano di mira il centrosinistra nella gestione e nelle scelte politiche che hanno ispirato e indirizzato le sorti dell’aeroporto di Forlì.  

Roberto Balzani

“Poiché leggo sui media che riportano informazioni espresse da alcuni signori di Forlì, che il fallimento di Seaf sarebbe “costato milioni di euro pubblici”, mi corre l’obbligo di ricordare alcuni dati di fatto – elenca Roberto Balzani -. La Seaf ha perduto milioni di euro l’anno, ripianati da Comune e Regione in primo luogo. Il Ministro Tremonti, nel 2010 (se non erro), stabilì, a mio avviso giustamente, che le società pubbliche da tre anni in perdita dovessero essere chiuse. Ciò portò alla chiusura di Seaf, visto che nessuno era interessato a rilevarla, dati i debiti necessari per sostenerla. Il Comune avrebbe volentieri proceduto alla liquidazione della Società, ma la Corte dei conti non lo ha consentito”.

“Si arrivò – scrive Balzani nella sua nota – così al fallimento che, come tutti sanno, non ha comportato l’esborso di denaro pubblico. Contestualmente, si aprì con Enac la strada per la privatizzazione della gestione che, dopo un tentativo finito male, è finalmente approdata a un risultato positivo. Personalmente ne sono lieto, perché non ho mai creduto nella gestione pubblica dell’aeroporto, ritenendo che esiga capacità e saperi disponibili solo in ambito privato. La gestione pubblica del Ridolfi è stata in piedi solo finché a pagare era Pantalone. E non era giusto. Ci vuole un po’ di serietà nell’amministrare i soldi di tutti”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here