Addio a Giancarlo Cerini, il cordoglio di istituzioni e partiti forlivesi

0
465

(Sesto Potere) – Forlì – 21 aprile 2021 – Il mondo della scuola piange la scomparsa di Giancarlo Cerini: ispettore del Ministero dell’Istruzione, maestro, direttore didattico, morto, poche ore dopo aver compiuto il 70mo compleanno, dopo lunghi mesi di malattia. Appena tre settimane fa aveva coordinato l’incontro per il lancio della campagna nazionale di diffusione e consultazione pubblica del documento di base sulle Linee pedagogiche elaborate dalla Commissione nazionale per il Sistema integrato 0-6 anni, da lui stesso presieduta.

Valentina Ancarani, consigliera provinciale con delega all’ Istruzione ed Edilizia Scolastica del Comprensorio Forlivese, anche a nome del Presidente della Provincia di Forlì-Cesena Gabriele Antonio Fratto per la scomparsa di Giancarlo Cerini, trasmette una nota di cordoglio: “A nome mio, del Presidente e dell’Amministrazione provinciale desidero esprime il più profondo cordoglio per la prematura scomparsa di Giancarlo Cerini. Giancarlo ha saputo trasmettere a tutti coloro che lo hanno incontrato la passione profonda che nutriva per la vita e per ciò a cui la vita ha dedicato, ossia la scuola. La scuola intesa come istituzione, ma soprattutto come insieme delle persone che la compongono:  insegnanti, dirigenti e studenti di ogni età.

ancarani

Lo ha fatto con passione, conoscenza, disponibilità e generosità. Lo ricorderemo sempre con affetto e stima, come una persona che in ogni sua riflessione pubblica o privata sapeva coniugare analisi del presente e  visione in prospettiva. La città di Forlì, il mondo della scuola, gli amici, i colleghi perdono un uomo dai grandi valori e qualità. Un abbraccio a Loretta, a Gianluca e ai due splendidi nipoti. Ci mancherai.”.

Anche Daniele Valbonesi Segretario territoriale PD forlivese e Maria Teresa Vaccari Segretaria Unione comunale PD Forlì manifestano il loro cordoglio: “Con grande dolore abbiamo appreso della scomparsa Giancarlo Cerini. Per prima cosa vogliamo stringerci intorno a tutta la sua famiglia, già segnata da troppo dolore, in questo tragico momento. Poi vogliamo guardare all’uomo, ricordare che Cerini lascia un grande vuoto nel mondo della scuola, al quale aveva dedicato la sua vita, in moltissimi modi diversi: ultimamente da ispettore del Miur, ma prima da dirigente e insegnante e scrittore di molti testi, godendo di grandissima stima, in tutta Italia. Innumerevoli i contributi che ha dato, sempre animato da passione. Tra gli altri ci piace ricordare il lavoro dedicato alla fascia 0-6 anni, per un’istruzione di qualità sin dai primi anni. E’ stato divulgatore di un pensiero riformista e come Partito Democratico forlivese abbiamo avuto la fortuna di avere la sua collaborazione per diverse iniziative negli anni, alle quali non ha mai fatto mancare il suo prezioso contributo. Una grande perdita, che lascia però un segno indelebile”.

E Italia Viva Forlì scrive: “Giancarlo Cerini ha rappresentato un faro per il sistema scolastico italiano. Il suo contributo costante, il suo impegno senza sosta e con totale coinvolgimento per promuovere un sistema educativo che mettesse sempre al centro i ragazzi, lo hanno reso una autorità indiscussa. Lo ricordiamo con affetto e gratitudine, stringendoci attorno al dolore della moglie Loretta Lega (ex assessore comunale, ndr), del fratello Floriano, del genero Gianluca Soglia (già amministratore locale, ndr) e dei nipoti Sofia e Riccardo.”

zattini

Anche il deputato di Italia Viva, Marco di Maio, esprime il suo cordoglio: “Con il cuore colmo di dispiacere apprendo della scomparsa di Giancarlo Cerini. Un uomo di scuola,  che dedicato la vita all’insegnamento, allo studio della didattica, al rafforzamento della scuola pubblica e alla propria famiglia. Il primo pensiero corre alla moglie e amica Loretta, al fratello Floriano, al genero Gianluca, roccioso e tenace marito della figlia Beatrice Cerini, prematuramente scomparsa nel 2009. E poi ai nipoti, Sofia e Riccardo, a cui Giancarlo amava dedicarsi. E’ stato un punto di riferimento per moltissime persone, in tutta Italia. Ha girato il Paese in lungo e in largo come ispettore del ministero e come esperto, ha collaborato con molti ministri, ha scritto manuali, saggi e articoli per una infinità di riviste specializzate. Il faro del suo pensiero è stato sempre lo studente, come persona prima ancora che come alunno, che deve trovare nella scuola un luogo di apprendimento e una palestra di vita. Gli innumerevoli convegni a cui ha preso parte, da relatore e da organizzatore, non gli hanno impedito di coltivare la propria passione civile, coltivando un legame strettissimo tra educazione e cittadinanza. Ho avuto diverse volte l’occasione di confrontarmi con lui e da quando ho cominciato la mia esperienza parlamentare di sentirlo apprezzato in moltissimo contesti, da colleghi insospettabili e non solo di una parte politica. E’ una grande perdita, prima di tutto per i suoi famigliari a cui mi stringo con tutto l’affetto possibile; per il sistema della scuola; per chi ha avuto il privilegio di conoscerlo. Ciao Giancarlo, grazie”.

Sono intervenuti anche il Sindaco di Forlì Gian Luca Zattini e l’Assessore alle Politiche educative Paola Casara: “Abbiamo appreso, con immenso dolore, la notizia della scomparsa del nostro concittadino Giancarlo Cerini, punto di riferimento del mondo scolastico regionale e nazionale, esperto di altissimo profilo  a livello italiano nella formazione di educatori, maestri, insegnanti. Giancarlo Cerini lega la sua autorevolezza, in particolare, al ruolo che ha rivestito per lungo tempo, e fino a pochi anni fa, di capo regionale degli ispettori ministeriali scolastici. Inoltre è stato membro di numerose Commissioni presso il Ministero dell’Istruzione, in particolare quelle che riguardavano il settore 0-6 anni e tra queste quella che ha predisposto le “Indicazioni nazionali” per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione (2007/2012). Giancarlo Cerini è stato membro del Comitato scientifico nazionale per l’attuazione delle Indicazioni nazionali e per il miglioramento continuo dell’insegnamento che ha redatto il documento “Indicazioni nazionali e nuovi scenari” (2017), componente del gruppo di lavoro “RAV Infanzia” e anche coordinatore della Commissione nazionale che ha redatto le Linee guida pedagogiche per il sistema integrato di istruzione per la fascia d’età 0-6 anni, appena pubblicate. La scomparsa di Giancarlo Cerini priva il mondo della scuola di un grande patrimonio umano, professionale e di testimonianza, un uomo di solida competenza e di visione prospettica, stimato e apprezzato. Lo scorso 12 novembre 2020, mostrando ancora una volta il profondo attaccamento al territorio e ai Servizi educativi e scolastici del Comune di Forlì, condusse un momento formativo e di approfondimento di alto livello agli operatori proprio sul tema più recente e sfidante per chi lavora in questo ambito: il sistema 0-6.  L’Amministrazione e gli uffici comunali che insieme a lui hanno lavorato per tantissimo tempo e l’intero sistema formativo e pedagogico del territorio, rivolgono a lui un saluto di stima e affetto, assicurando il pieno impegno nella declinazione concreta e quotidiana delle potenzialità dei bambini e delle bambine in adeguati contesti ludico-affettivi volti a garantire, in alleanza con le famiglie, pari opportunità di educazione. Ai familiari e ai conoscenti più stretti di Giancarlo Cerini giungano, in questo momento di tristezza, i sentimenti di cordoglio e di partecipazione al lutto a nome della città da parte dell’Amministrazione Comunale e di tutto il personale dei nidi della scuole dell’infanzia comunali”.

Anche la Fondazione  Cassa dei Risparmi di Forlì piange la morte del Consigliere generale Giancarlo Cerini e informa che la salma si trova oggi presso la camera mortuaria dell’Ospedale Morgagni Pierantoni (stanza n.7). Il funerale si terrà venerdì 23 aprile: partenza alle ore 14.15 dalla camera mortuaria per il Cimitero di Coriano a Corecchio, dove si svolgerà la commemorazione funebre.