Accoltellamento Rimini, ministro Lamorgese esclude movente terroristico

0
148
il ministro Lamorgese

(Sesto Potere) – Rimini – 13 settembre 2021 – Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese (nella foto in alto), accompagnata dal Capo della Polizia Lamberto Giannini (nella foto qui in pagina, ndr) , si è recata questa mattina a Rimini per partecipare in prefettura al comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato a seguito dell’aggressione di alcune persone da parte di un 26enne straniero di origine somala nella giornata di sabato.

Nel ribadire la gravità dell’accaduto, la titolare del Viminale ha sottolineato come si è potuto escludere con immediatezza la matrice terroristica, grazie alla pronta attivazione dello scambio informativo con le polizie europee.

Giannini foto da poliziadistato.it

«Il lato positivo» ha dichiarato il ministro «è che le vittime non sono più in pericolo di vita e questo è l’elemento più importante», sottolineando inoltre di aver voluto manifestare con la sua presenza oggi nella città romagnola la propria vicinanza al territorio dopo quanto avvenuto.

«E’ stato un episodio che certamente non doveva capitare, ma che poteva capitare in qualunque parte d’Italia o d’Europa»: ha aggiunto il ministro Lamorgese dicendo «abbiamo escluso la pista terroristica», ribadendo il concetto con «certezza», e puntualizzando che si stanno svolgendo gli «accertamenti del caso dal punto di vista psichiatrico».

Sul tappeto restano le critiche politiche mosse nell’immediatezza del fatto da esponenti locali e nazionali della Lega come il deputato romagnolo Jacopo Morrone e il leader del carroccio Matteo Salvini.